Seleziona una pagina

Blog

Blog

Don Tapscott talks about blockchain on TED

Posted on Jan 21, 2019

Pepeeta - Don Tapscott talks about blockchain on TED

 

Yes it seems something real, the blockchain can really find a lot of areas of implementation. We are strongly engaged on it and our platform will play an important role for the business. Discover more on pepeeta.com

* * * * * * * * * *

“The technology likely to have the greatest impact on the next few decades has arrived. And it’s not social media. It’s not big data. It’s not robotics. It’s not even AI. You’ll be surprised to learnthat it’s the underlying technology of digital currencies like Bitcoin. It’s called the blockchain. Blockchain.

Now, it’s not the most sonorous word in the world, but I believe that this is now the next generation of the internet, and that it holds vast promise for every business, every society and for all of you, individually.

You know, for the past few decades, we’ve had the internet of information. And when I send you an email or a PowerPoint file or something, I’m actually not sending you the original, I’m sending you a copy. And that’s great. This is democratized information. But when it comes to assets — things like money, financial assets like stocks and bonds, loyalty points, intellectual property, music, art, a vote, carbon credit and other assets — sending you a copy is a really bad idea. If I send you 100 dollars, it’s really important that I don’t still have the money —

and that I can’t send it to you. This has been called the “double-spend” problem by cryptographers for a long time.

So today, we rely entirely on big intermediaries — middlemen like banks, government, big social media companies, credit card companies and so on — to establish trust in our economy.And these intermediaries perform all the business and transaction logic of every kind of commerce, from authentication, identification of people, through to clearing, settling and record keeping. And overall, they do a pretty good job. But there are growing problems.

To begin, they’re centralized. That means they can be hacked, and increasingly are — JP Morgan, the US Federal Government, LinkedIn, Home Depot and others found that out the hard way. They exclude billions of people from the global economy, for example, people who don’t have enough money to have a bank account. They slow things down. It can take a second for an email to go around the world, but it can take days or weeks for money to move through the banking system across a city. And they take a big piece of the action — 10 to 20 percent just to send money to another country. They capture our data, and that means we can’t monetize it or use it to better manage our lives. Our privacy is being undermined. And the biggest problem is that overall, they’ve appropriated the largesse of the digital age asymmetrically: we have wealth creation, but we have growing social inequality.

So what if there were not only an internet of information, what if there were an internet of value — some kind of vast, global, distributed ledger running on millions of computers and available to everybody. And where every kind of asset, from money to music, could be stored, moved, transacted, exchanged and managed, all without powerful intermediaries? What if there were a native medium for value?

Well, in 2008, the financial industry crashed and, perhaps propitiously, an anonymous person or persons named Satoshi Nakamoto created a paper where he developed a protocol for a digital cash that used an underlying cryptocurrency called Bitcoin. And this cryptocurrency enabled people to establish trust and do transactions without a third party. And this seemingly simple act set off a spark that ignited the world, that has everyone excited or terrified or otherwise interested in many places. Now, don’t be confused about Bitcoin — Bitcoin is an asset; it goes up and down, and that should be of interest to you if you’re a speculator. More broadly, it’s a cryptocurrency. It’s not a fiat currency controlled by a nation-state. And that’s of greater interest. But the real pony here is the underlying technology. It’s called blockchain.

So for the first time now in human history, people everywhere can trust each other and transact peer to peer. And trust is established, not by some big institution, but by collaboration, by cryptography and by some clever code. And because trust is native to the technology, I call this, “The Trust Protocol.”

Now, you’re probably wondering: How does this thing work? Fair enough. Assets — digital assets like money to music and everything in between — are not stored in a central place, but they’re distributed across a global ledger, using the highest level of cryptography. And when a transaction is conducted, it’s posted globally, across millions and millions of computers. And out there, around the world, is a group of people called “miners.” These are not young people, they’re Bitcoin miners. They have massive computing power at their fingertips — 10 to 100 times bigger than all of Google worldwide. These miners do a lot of work. And every 10 minutes, kind of like the heartbeat of a network, a block gets created that has all the transactions from the previous 10 minutes. Then the miners get to work, trying to solve some tough problems.

And they compete: the first miner to find out the truth and to validate the block, is rewarded in digital currency, in the case of the Bitcoin blockchain, with Bitcoin. And then — this is the key part — that block is linked to the previous block and the previous block to create a chain of blocks. And every one is time-stamped, kind of like with a digital waxed seal. So if I wanted to go and hack a block and, say, pay you and you with the same money, I’d have to hack that block, plus all the preceding blocks, the entire history of commerce on that blockchain, not just on one computer but across millions of computers, simultaneously, all using the highest levels of encryption, in the light of the most powerful computing resource in the world that’s watching me. Tough to do. This is infinitely more secure than the computer systems that we have today.Blockchain. That’s how it works.

So the Bitcoin blockchain is just one. There are many. The Ethereum blockchain was developed by a Canadian named Vitalik Buterin. He’s [22] years old, and this blockchain has some extraordinary capabilities. One of them is that you can build smart contracts. It’s kind of what it sounds like. It’s a contract that self-executes, and the contract handles the enforcement, the management, performance and payment — the contract kind of has a bank account, too, in a sense — of agreements between people. And today, on the Ethereum blockchain, there are projects underway to do everything from create a new replacement for the stock market to create a new model of democracy, where politicians are accountable to citizens.

So to understand what a radical change this is going to bring, let’s look at one industry, financial services. Recognize this? Rube Goldberg machine. It’s a ridiculously complicated machine that does something really simple, like crack an egg or shut a door. Well, it kind of reminds me of the financial services industry, honestly. I mean, you tap your card in the corner store, and a bitstream goes through a dozen companies, each with their own computer system, some of them being 1970s mainframes older than many of the people in this room,and three days later, a settlement occurs. Well, with a blockchain financial industry, there would be no settlement, because the payment and the settlement is the same activity, it’s just a change in the ledger. So Wall Street and all around the world, the financial industry is in a big upheaval about this, wondering, can we be replaced, or how do we embrace this technology for success?

Now, why should you care? Well, let me describe some applications. Prosperity. The first era of the internet, the internet of information, brought us wealth but not shared prosperity,because social inequality is growing. And this is at the heart of all of the anger and extremismand protectionism and xenophobia and worse that we’re seeing growing in the world today,Brexit being the most recent case.

So could we develop some new approaches to this problem of inequality? Because the only approach today is to redistribute wealth, tax people and spread it around more. Could we pre-distribute wealth? Could we change the way that wealth gets created in the first place by democratizing wealth creation, engaging more people in the economy, and then ensuring that they got fair compensation? Let me describe five ways that this can be done.

Number one: Did you know that 70 percent of the people in the world who have land have a tenuous title to it? So, you’ve got a little farm in Honduras, some dictator comes to power, he says, “I know you’ve got a piece of paper that says you own your farm, but the government computer says my friend owns your farm.” This happened on a mass scale in Honduras, and this problem exists everywhere. Hernando de Soto, the great Latin American economist, says this is the number one issue in the world in terms of economic mobility, more important than having a bank account, because if you don’t have a valid title to your land, you can’t borrow against it, and you can’t plan for the future.

So today, companies are working with governments to put land titles on a blockchain. And once it’s there, this is immutable. You can’t hack it. This creates the conditions for prosperityfor potentially billions of people.

Secondly: a lot of writers talk about Uber and Airbnb and TaskRabbit and Lyft and so on as part of the sharing economy. This is a very powerful idea, that peers can come together and create and share wealth. My view is that … these companies are not really sharing. In fact, they’re successful precisely because they don’t share. They aggregate services together, and they sell them. What if, rather than Airbnb being a $25 billion corporation, there was a distributed application on a blockchain, we’ll call it B-Airbnb, and it was essentially owned by all of the people who have a room to rent. And when someone wants to rent a room, they go onto the blockchain database and all the criteria, they sift through, it helps them find the right room, and then the blockchain helps with the contracting, it identifies the party, it handles the payments just through digital payments — they’re built into the system. And it even handles reputation, because if she rates a room as a five-star room, that room is there, and it’s rated, and it’s immutable. So, the big sharing-economy disruptors in Silicon Valley could be disrupted, and this would be good for prosperity.

Number three: the biggest flow of funds from the developed world to the developing world is not corporate investment, and it’s not even foreign aid. It’s remittances. This is the global diaspora; people have left their ancestral lands, and they’re sending money back to their families at home. This is 600 billion dollars a year, and it’s growing, and these people are getting ripped off.

Analie Domingo is a housekeeper. She lives in Toronto, and every month she goes to the Western Union office with some cash to send her remittances to her mom in Manila. It costs her around 10 percent; the money takes four to seven days to get there; her mom never knows when it’s going to arrive. It takes five hours out of her week to do this.

Six months ago, Analie Domingo used a blockchain application called Abra. And from her mobile device, she sent 300 bucks. It went directly to her mom’s mobile device without going through an intermediary. And then her mom looked at her mobile device — it’s kind of like an Uber interface, there’s Abra “tellers” moving around. She clicks on a teller that’s a five-star teller, who’s seven minutes away. The guy shows up at the door, gives her Filipino pesos, she puts them in her wallet. The whole thing took minutes, and it cost her two percent. This is a big opportunity for prosperity.

Number four: the most powerful asset of the digital age is data. And data is really a new asset class, maybe bigger than previous asset classes, like land under the agrarian economy, or an industrial plant, or even money. And all of you — we — create this data. We create this asset,and we leave this trail of digital crumbs behind us as we go throughout life. And these crumbs are collected into a mirror image of you, the virtual you. And the virtual you may know more about you than you do, because you can’t remember what you bought a year ago, or said a year ago, or your exact location a year ago. And the virtual you is not owned by you — that’s the big problem.

So today, there are companies working to create an identity in a black box, the virtual you owned by you. And this black box moves around with you as you travel throughout the world,and it’s very, very stingy. It only gives away the shred of information that’s required to do something. A lot of transactions, the seller doesn’t even need to know who you are. They just need to know that they got paid.

And then this avatar is sweeping up all of this data and enabling you to monetize it. And this is a wonderful thing, because it can also help us protect our privacy, and privacy is the foundation of a free society. Let’s get this asset that we create back under our control, where we can own our own identity and manage it responsibly.

Finally, number five: there are a whole number of creators of content who don’t receive fair compensation, because the system for intellectual property is broken. It was broken by the first era of the internet. Take music. Musicians are left with crumbs at the end of the whole food chain. You know, if you were a songwriter, 25 years ago, you wrote a hit song, it got a million singles, you could get royalties of around 45,000 dollars. Today, you’re a songwriter, you write a hit song, it gets a million streams, you don’t get 45k, you get 36 dollars, enough to buy a nice pizza.

So Imogen Heap, the Grammy-winning singer-songwriter, is now putting music on a blockchain ecosystem. She calls it “Mycelia.” And the music has a smart contract surrounding it. And the music protects her intellectual property rights. You want to listen to the song? It’s free, or maybe a few micro-cents that flow into a digital account. You want to put the song in your movie, that’s different, and the IP rights are all specified. You want to make a ringtone? That’s different. She describes that the song becomes a business. It’s out there on this platform marketing itself, protecting the rights of the author, and because the song has a payment system in the sense of bank account, all the money flows back to the artist, and they control the industry, rather than these powerful intermediaries. Now, this is —

This is not just songwriters, it’s any creator of content, like art, like inventions, scientific discoveries, journalists. There are all kinds of people who don’t get fair compensation, and with blockchains, they’re going to be able to make it rain on the blockchain. And that’s a wonderful thing.

So, these are five opportunities out of a dozen to solve one problem, prosperity, which is one of countless problems that blockchains are applicable to.

Now, technology doesn’t create prosperity, of course — people do. But my case to you is that, once again, the technology genie has escaped from the bottle, and it was summoned by an unknown person or persons at this uncertain time in human history, and it’s giving us another kick at the can, another opportunity to rewrite the economic power grid and the old order of things, and solve some of the world’s most difficult problems, if we will it.

Thank you.

Don Tapscott TEDSummit | June 2016”

*******************************************************************

Sì, sembra qualcosa di reale, la blockchain può davvero trovare molte aree di implementazione. Siamo fortemente impegnati su di esso e la nostra piattaforma giocherà un ruolo importante per il business. Scopri di più su pepeeta.com

* * * * * * * * * *

“La tecnologia che probabilmente avrà l’impatto maggiore, nei prossimi decenni, è arrivata. E non sono le reti sociali, non sono i cosiddetti “big data”, non è la robotica, non è neanche l’Intelligenza Artificiale. Vi stupirà sapere che si tratta della tecnologia alla base delle monete digitali, come Bitcoin. Si chiama Blockchain. Catena di blocchi.

Non è la parola più musicale del mondo, ma credo che oggi costituisca la nuova generazione di Internet, e porti con sé un grande potenziale per ogni impresa, ogni società e per ognuno di voi, personalmente.

Negli ultimi decenni abbiamo avuto l’Internet dell’informazione. E quando vi mando un’email o un file in Power Point o altro, in realtà non vi sto inviando l’originale, ma una copia. E va benissimo. È la democrazia dell’informazione. Ma quando si tratta di proprietà — come il denaro, risorse finanziarie come azioni e obbligazioni, punti fedeltà, proprietà intellettuale,musica, arte, un voto, i “carbon credit” e altri beni — inviarvi una copia è una pessima idea. Se vi mando 100 dollari, è molto importante che io, quei soldi, dopo non li abbia più —

e non possa rimandarli a un altro di voi. È il problema della “doppia spesa”, noto in crittografia da ormai molto tempo.

Oggi, quindi, ci affidiamo interamente ai grandi intermediari — mediatori come le banche, i governi, grandi aziende di social media o compagnie di carte di credito, ecc. — per instaurare fiducia nella nostra economia. A questi intermediari oggi affidiamo la logica delle transazioni in ogni tipo di commercio, dall’autenticazione, l’identificazione delle persone, alla compensazione, regolamento e registrazione. Nel complesso funzionano bene, ma pongono sempre più problemi.

Innanzitutto, sono centralizzati. Possono cioè essere “hackerati”, e sempre più spesso lo sono — JP Morgan, il Governo Federale degli Stati Uniti, LinkedIn, Home Depot e altri, l’hanno scoperto a proprie spese. Inoltre, escludono miliardi di persone dall’economia globale.Persone, ad esempio, che non hanno abbastanza denaro da aprire un conto in banca.Rallentano i processi: basta un secondo perché un’email faccia il giro del mondo, ma possono volerci giorni o settimane per far muovere il denaro tra le banche di una città. E impongono alti costi di transazione — tra il 10 e il 20 per cento solo per inviare denaro all’estero. Catturano i nostri dati, e ciò implica che non possiamo trasformarli in moneta o usarli come più ci conviene. La nostra privacy è compromessa. E il problema più grande è che, nel complesso,hanno sfruttato l’abbondanza dell’era digitale in modo asimmetrico: abbiamo creato ricchezza da un lato e più diseguaglianza sociale dall’altro.

E se oltre all’Internet dell’informazione avessimo anche l’Internet del valore — una specie di registro contabile distribuito a livello globale installato su milioni di computer, che fosse accessibile a tutti? E dove risorse di ogni tipo, dal denaro alla musica, potrebbero essere conservate, trasferite, scambiate e gestite, senza l’aiuto di potenti intermediari? E se ci fosse un mezzo naturale per il valore?

Nel 2008 l’industria finanziaria è andata in bancarotta e, forse a suo vantaggio, una persona anonima (o un collettivo) di nome Satoshi Nakamoto ha pubblicato un saggio in cui sviluppava un protocollo per una moneta digitale che utilizzava una criptovaluta sottostante chiamata Bitcoin. Questa criptovaluta consentiva di fidarsi ad effettuare transazioni senza bisogno di un intermediario. E questo atto, apparentemente semplice, ha innescato una scintilla che ha rivoluzionato il mondo, ha destato stupore, paura o anche interesse un pò dappertutto. Ora, non facciamo confusione — Bitcoin è una risorsa: il suo valore sale e scende, e dovreste tenerne conto se siete degli speculatori. In senso più generale, si tratta di una criptovaluta.Non è una valuta legale emessa da uno stato sovrano, e questo è ancora più interessante. Ma la cosa più originale è la tecnologia su cui si basa, che si chiama blockchain.

Per la prima volta nella storia dell’umanità, ci si può fidare l’uno dell’altro ad effettuare transazioni da pari a pari. La fiducia non viene stabilita da nessuna grande istituzione ma dalla collaborazione, dalla crittografia e da un codice intelligente. E siccome la fiducia è insita nella tecnologia, lo definisco un “Protocollo di Fiducia”.

Vi starete chiedendo come funziona, giustamente. Le risorse — quelle digitali come il denaro, la musica e così via — non vengono conservate in un unico luogo, ma vengono distribuite in un registro globale utilizzando il livello di crittografia più sicuro. E quando si effettua una transazione, questa viene notificata dappertutto, su milioni e milioni di computer. E là fuori, in tutto il mondo, ci sono i cosiddetti “minatori”. Non sono giovani operai, sono minatori di Bitcoin. Hanno un’enorme potenza di calcolo a portata di mano — tra 10 e 100 volte superiore a tutta quella di Google. Questi minatori fanno un gran lavoro. Ogni 10 minuti, che rappresentano un po’ il battito cardiaco di una rete, si crea un nuovo blocco che contiene tutte le transazioni avvenute nei 10 minuti precedenti. Poi i minatori si mettono al lavoro, cercando di risolvere alcuni problemi.

E competono tra loro: il primo che trova la soluzione e riesce a convalidare il blocco, viene pagato in valuta digitale — nel caso della blockchain di Bitcoin, in Bitcoin. E poi — e qui viene il bello — quel blocco è collegato al blocco precedente e a quello prima ancora, fino a creare una catena di blocchi. Ogni blocco ha una marca temporale, che lo “sigilla” digitalmente. Perciò, se volessi manipolare un blocco e pagare più persone con la stessa somma, dovrei hackerare, oltre a quel blocco, tutti quelli precedenti, — ossia l’intera storia di tutta quella catena. E non solo su un singolo computer, ma su milioni di computer, contemporaneamente, tutti protetti dal più alto livello di crittografia, e rappresentano la risorsa informatica più potente del mondo, che mi stanno guardando. La vedo dura. Questa tecnica è infinitamente più sicura dei sistemi informatici che abbiamo oggi. Blockchain. È così che funziona.

Quella del Bitcoin è una blockchain. Ce ne sono tante. Quella di Ethereum è stata sviluppata da un canadese di nome Vitalik Buterin. Ha appena 19 anni, e questa blockchain ha delle caratteristiche straordinarie. Una di esse è la stipula di contratti intelligenti. Sono proprio ciò che sembrano: contratti auto-eseguibili che si occupano della gestione, adempimento, esecuzione e pagamento — anche il contratto ha una sorta di conto bancario — degli accordi tra le parti. E oggi, sulla blockchain di Ethereum si stanno sviluppando progetti che spazianodalla sostituzione del mercato azionario alla creazione di un nuovo modello di democrazia, in cui i politici siano responsabili verso i cittadini.

Per comprendere quanto sia radicale questo cambiamento, prendiamo l’industria dei servizi finanziari. La riconoscete? È una macchina di Rube Goldberg. È una macchina assurdamente complicata per fare cose semplicissime, come rompere un uovo o chiudere una porta. E a me ricorda un po’ l’industria dei servizi finanziari. Quando passiamo la carta di credito nel negozio dietro l’angolo, una sequenza di bit viaggia attraverso decine di società, ognuna con il proprio sistema informatico — alcuni server risalgono agli anni ’70, e sono più vecchi di molti di voi qui presenti — e l’accordo si crea dopo 3 giorni. Se l’industria finanziaria utilizzasse la blockchain,tutto questo non servirebbe perché pagamento e accordo sarebbero la stessa cosa: un cambio di voce su un registro. Per questo, Wall Street e l’industria finanziaria globale sono in uno stato di grande agitazione, e si chiedono: “rischiamo di essere sostituiti?” oppure: “come continuiamo a far soldi con questa tecnologia?”

Ma perché dovrebbe importarvi? Lasciate che vi parli di alcune conseguenze. Prosperità. La prima era di Internet, l’Internet dell’informazione, ci ha portato ricchezza ma non il benessere comune: la disuguaglianza sociale è in crescita. E questa è la causa di tutta la violenza, l’estremismo, protezionismo, xenofobia — o peggio — e di tutto quello che stiamo vivendo oggi.La Brexit è solo l’esempio più recente.

Possiamo creare nuovi approcci al problema della disuguaglianza? Perché l’unico approccio, oggi, è la redistribuzione della ricchezza, imporre tasse e distribuirla un po’ di più. E se pre-distribuissimo la ricchezza? E se cambiassimo il modo in cui la generiamo, rendendo il processo più democratico, coinvolgendo più persone nell’economia, e quindi assicurandoci che ricevano una giusta compensazione? Ora vi illustro cinque modi in cui potremmo farlo.

Numero uno: sapevate che il 70 percento dei proprietari terrieri nel mondo non ha pieno titolo di proprietà? Avete una piccola fattoria in Honduras, un dittatore sale al potere e dice: so che possiedi legalmente l’azienda, ma il database del governo dice che la tua azienda è di un mio amico. Questo è successo su larga scala in Honduras, ed è un problema che esiste ovunque nel mondo. Hernando de Soto, il grande economista latino-americano, dice che questo è il primo problema globale in termini di mobilità economica, più dell’accesso a un conto in banca:se non puoi rivendicare la proprietà della tua terra, non puoi metterla a garanzia di un prestito,e non puoi fare progetti per il futuro.

Oggi, dunque, molte società stanno collaborando con i governi per mettere i titoli di proprietà su una blockchain. In questo modo non sono modificabili. Non si possono hackerare. Questo creerebbe condizioni di prosperità per, potenzialmente, miliardi di persone.

Secondo: oggi si parla molto di Uber, Airbnb, TaskRabbit, Lyft e così via come parte della sharing economy. È un’idea potente, il fatto che tutti si possano unire, creare e condividere ricchezza. Dal mio punto di vista, in realtà queste società non condividono nulla. Infatti hanno successo proprio perché non condividono. Aggregano servizi e li vendono. Supponiamo che invece di Airbnb, che è una società da 25 miliardi di dollari, ci fosse un’applicazione distribuita su una blockchain, chiamiamola B-Airbnb, e questa applicazione appartenesse a tutte le persone che hanno una stanza da affittare. Chiunque cercasse una stanza, apre il database della blockchain e inserisce i parametri di ricerca. L’applicazione cerca nel database e aiuta a trovare la stanza giusta. E poi la blockchain aiuta a stipulare il contratto, identifica le parti,gestisce la transazione attraverso pagamenti digitali, che sono inclusi nel sistema. E anche gestisce anche il rating, perché se si valuta la stanza con il punteggio massimo, quella stanza è lì, è stata valutata, e non è più modificabile. I travolgenti innovatori della sharing-economy, nella Silicon Valley, potranno così essere travolti, e questo creerebbe prosperità.

Numero tre: il maggior flusso di fondi dai paesi sviluppati a quelli in via di sviluppo non sono gli investimenti delle imprese, e neanche gli aiuti esteri. Sono le rimesse degli emigrati. È la diaspora globale; gente che ha lasciato la propria terra e invia denaro a casa, alle loro famiglie. Sono circa 600 miliardi di dollari all’anno e stanno aumentando, e queste persone vengono derubate.

Analie Domingo è una domestica. Vive a Toronto, e ogni mese va alla Western Union con del denaro per inviarlo a sua madre che vive a Manila. Le costa circa il 10 percento, il trasferimento impiega dai 4 ai 7 giorni, sua madre non sa mai quando arriverà, e il tutto le richiede circa 5 ore.

Sei mesi fa, Analie Domingo ha usato un’applicazione, basata su blockchain, chiamata Abra, e ha inviato 300 dollari dal suo cellulare. Sono arrivati direttamente sul cellulare di sua madresenza bisogno di un intermediario. Sua madre ha guardato il cellulare — è simile all’interfaccia di Uber, con degli omini che si muovono. Lei clicca sull’omino con il giudizio più alto, che è a 7 minuti da lei. Un uomo suona alla porta, le dà i pesos filippini che lei si mette nel portafoglio.Tutto questo ha richiesto pochi minuti, e le è costato solo il 2 percento. Questa è una grande opportunità per creare prosperità.

Numero quattro, la risorsa più critica dell’era digitale: i dati. Sono un nuovo tipo di risorsa,forse più grande delle risorse tradizionali, delle terre ai tempi dell’economia agraria, o di un’impianto industriale, o perfino del denaro. E tutti voi, me incluso, creiamo questi dati.Creiamo questa risorsa. E lasciamo una scia di briciole digitali, dietro di noi, con il passare del tempo. Queste briciole vengono raccolte e creano un’immagine di noi stessi, un io virtuale. E forse il vostro io virtuale vi conosce meglio di voi, perché non potete ricordare cosa avete acquistato, detto o dove vi trovavate un anno fa. Ma il vostro io virtuale non è controllato da voi, e questo è un serio problema.

E così oggi ci sono società che lavorano per creare un’identità in una scatola nera, un io virtuale controllato da voi. Questa scatola nera si muove con voi ogni volta che vi spostate, ed è molto riservata, perché rivela solo le informazioni strettamente necessarie per realizzare un’operazione. In molte transazioni, il venditore non ha neanche bisogno di sapere chi siete.Deve solo assicurarsi di ricevere il denaro.

Questo “avatar” fa sparire tutti i dati e vi permette di trasformarli in moneta. Ed è fantasticoperché ci aiuta anche a proteggere la privacy, e la privacy è alla base di una società libera.Riprendiamoci il controllo su questa risorsa che creiamo, così da controllare la nostra identitàe gestirla in maniera responsabile.

Infine,

Numero cinque: ci sono tantissimi creatori di contenuti che non ricevono un giusto compenso,perché il sistema della proprietà intellettuale è inefficace. È stato compromesso durante la prima era di Internet. Prendiamo la musica. Agli artisti rimangono solo le briciole, alla fine della catena alimentare. Se foste dei cantautori, e 25 anni fa aveste scritto una canzone che ha avuto successo ottenendo 1 milione di singoli, avreste guadagnato 45.000 dollari in diritti d’autore. Se oggi scrivete una canzone di successo, con 1 milione di ascolti, non ottenete 45,000 dollari, prendete solo 36 dollari, abbastanza per un’ottima pizza.

Quindi Imogen Heap, la cantautrice che ha vinto il Grammy, sta trasferendo la sua musica su un sistema di blockchain. Lei lo chiama “Mycelia”. La musica è gestita da un contratto intelligente, e protegge i suoi diritti di proprietà intellettuale. Se volete ascoltare la canzone è gratis, o costa pochi microcentesimi trasferiti su un conto digitale. Se volete usarla in un film come colonna sonora è diverso, e i diritti IP sono tutti specificati. Se volete usarla come suoneria, è diverso. A detta di lei, la canzone diventa il business, perché sta sulla piattaforma e si vende da sola, proteggendo i diritti dell’autore, e siccome la canzone ha un sistema di pagamento, cioè una specie di conto corrente, tutto il denaro ritorna nelle mani degli artisti, E così controllano loro il settore, non i potenti intermediari di oggi. Ora, non sono.

E non vale solo per i cantautori, ma per qualsiasi creatore di contenuti come opere d’arte,come le invenzioni, le scoperte scientifiche, i giornalisti. Sono tutte persone che non ricevono un giusto compenso, e con le blockchain riusciranno a guadagnare quel che spetta loro. E questa è una cosa fantastica.

Queste, dunque, sono 5 possibilità, su almeno una dozzina, per risolvere il problema della prosperità, che è solo uno degli innumerevoli ambiti in cui le blockchain trovano applicazione.

Ovviamente non è la tecnologia che crea prosperità: sono le persone. Ma quello che voglio dirvi è che, ancora una volta, il genio della tecnologia è fuggito dalla lampada, è stato evocato da una persona o un gruppo sconosciuto in questi tempi incerti della storia, e ci sta dando un’altra chance, un’altra opportunità di riscrivere la rete di scambi economici e il vecchio ordine delle cose, e risolvere alcune delle questioni globali più difficili, se solo lo vorremo.

Grazie.

Don Tapscott TEDSummit | June 2016”